Comunità Montana Alto Tanaro Cebano Monregalese

  • Aumenta dimensione caratteri
  • Dimensione caratteri predefinita
  • Diminuisci dimensione caratteri
Home Briaglia

Comune di Briaglia

E-mail Stampa PDF

Indirizzo: Via Borsarelli, 14
Telefono: 0174/563697
Fax: 0174/569952
E-mail: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
E-mail certificata: Questo indirizzo e-mail è protetto dallo spam bot. Abilita Javascript per vederlo.
Sito internet: www.comune.briaglia.cn.it
Popolazione: 317
Altitudine minima: 330
Altitudine massima: 620

Briaglia - La piazza Briaglia - Veduta Briaglia - Le vigne

Briaglia, sita in una posizione collinare incantevole che si apre su suggestivi panorami alpini e verso la pianura, viene anche definita “paese dai sette colli” in quanto il suo territorio comprende: il bric del Conte, il bric Rovei, il bric Messino, il bric dei Fiori, il bric della Guardia, il bric del Soldo ed il bric dell’Olla.

Le prime tracce di insediamenti risalgono all’89 a.C. ad opera dei Liguri Bagienni, che vennero successivamente conquistati dai Romani.

Atti ufficiali documentano che il territorio nel 901 fu sottoposto alla signoria del Vescovo di Asti e successivamente al feudo di Vico.

Gli eventi che interessarono la storia di Mondovì e del Monregalese sono anche quelli di Briaglia che partecipò attivamente alle lotte per l’indipendenza ed alla guerra del sale nel 1621. Quando il contado di Mondovì fu smembrato, Briaglia fu annessa al comune di Vico e dal 1722 divenne feudo del Giuseppe Derossi di Usseglio.

Napoleone Bonaparte il 21 aprile del 1796 assistette, dal Colle della Guardia, alla battaglia del Bricchetto tra le sue truppe e quelle piemontesi guidate dal generale Colli.

Grazie al lascito patrimoniale del priore don Andrea Borsarelli ed all’intervento diretto del re di Sardegna Vittorio Amedeo, il 4 ottobre 1796 Briaglia divenne comune autonomo: contava 130 famiglie e 700 persone.

La parrocchiale di Santa Croce, al centro del paese, fu costruita tra il 1882 ed il 1889 in forme barocche, in sostituzione della più antica chiesa settecentesca. Internamente si possono ammirare tre altari barocchi in marmo, una pala d’altare raffigurante l’Invenzione della Croce ed un organo del Bossi realizzato nel 1939.

Poco lontano si trova la Confraternita di San Giovanni Evangelista dove oggi è raccolta una serie di “megaliti” ritrovati nella zona. Su queste pietre furono condotte nel passato varie ricerche, una fra tutte quella del professor Janigro d'Acquino agli inizi degli anni Settanta.

Ultimo aggiornamento Lunedì 12 Settembre 2011 15:40  


In primo piano

UNIONE MONTANA DELLE VALLI MONREGALESI

AVVISO ESPLORATIVO DI MANIFESTAZIONE DI INTERESSE PER LA REDAZIONE DEL PROGETTO DI FATTIBILITA' TECNICA ED ECONOMICA, DEL PROGETTO DEFINITIVO ED ESECUTIVO, DEL COORDINAMENTO DELLA SICUREZZA IN FASE DI PROGETTAZIONE ED ESECUZIONE DEI LAVORI, DIREZIONE E CONTABILITA' DEI LAVORI RELATIVI AGLI INTERVENTI INFRASTRUTTURALI DI CUI AL "BANDO N. 1/2016 - PROGRAMMA DI SVILUPPO RURALE 2014 - 2020 DELLA REGIONE PIEMONTE. MISURA 7: SOTTOMISURA 7.5 "SOSTEGNO A INVESTIMENTI DI FRUIZIONE PUBBLICA IN INFRASTRUTTURE RICREATIVE, INFORMAZIONI TURISTICHE E INFRASTRUTTURE TURISTICHE - OPERAZIONE 7.5.1 INFRASTRUTTURE TURISTICO - RICREATIVE ED INFORMAZIONI TURISTICHE" NEI COMUNI DI FRABOSA SOPRANA, NIELLA TANARO, ROCCAFORTE MONDOVI' E VICOFORTE".